ART & PHOTOGRAPHY

Enter Slide 1 Title Here

Enter Slide 2 Title Here

Enter Slide 3 Title Here

sabato 23 giugno 2012

Ecco qui un'interessantissima intervista a Francesco Bonami, uno dei due ideatori della mostra "Addio anni 70. Arte a Milano", in corso a Palazzo Reale di Milano, visitabile gratuitamente sino al 2 settembre.

http://www.vogue.it/vogue-starscelebsmodels/vogue-masters/2012/05/francesco-bonami

Consiglio vivamente a chi si trova a Milano, di passaggio o meno, di andarla a visitare.
Si tratta di una rara occasione per capire, conoscere e rivivere quello che accadeva a Milano, durante uno dei periodi più tragici ma allo stesso tempo fertili di questa città.
Altro che Fashion Week e salone del Design . . C'erano Christo (http://it.wikipedia.org/wiki/Christo_e_Jeanne-Claude) e Yves Klein che scorrazzavano per Milano facendo installazioni qua e là.




martedì 19 ottobre 2010

Quando capita qualcosa o qualcuno che riesce a far riemergere una parte di te che avevi abbandonato per un pò, te ne ricorderai sempre e sarai, altrettanto a lungo, grato/a. 
Mi ritrovo nelle vene voglia di arte..pulita, vera, libera. Incontaminata. 
Quindi quale miglior scelta di un'artista considerato uno dei fondatori dell'arte moderna, che per definizione "rifiuta" il passato e si apre a nuove sperimentazioni e porta "una consapevolezza che permette alle persone di scegliere come vivere esattamente come si sceglie la fantasia della carta da parati"? (cit. E.Gombrich)

Mikalojus Konstantinas Čiurlionis nacque in Lituania, musicista e pittore riuscì a sublimare entrambe le discipline divenendo così leggendario per le sue "visioni d'altri mondi".
Rimasto purtroppo sconosciuto al resto del mondo per molti anni, si fece notare inizialmente da Vasilij Kandinskij (!!) nel 1910 e successivamente partecipò al festival d'arte di Berlino (1979). 
Frà non molto avremo la possibilità, l'onore e direi anche l'occasione di rimediare ad una grande mancanza..
Dal 17 novembre 2010 al 6 febbraio 2011 a Palazzo Reale (Milano) sarà possibile visitare quella che è la prima retrospettiva italiana dedicata all'artista.
Sarà, a mio avviso, una di quelle mostre da non perdere per nulla al mondo.


Sonata dell'estate, andante

Stillness

The city

Qualche piccola "istruzione per l'uso":
a) andare accompagnati, solo se BEN accompagnati.
b) scegliere giorni feriali. Festivi VIETATI. Orario ideale..pranzo.
c) entrare con la voglia di non tornare più.


Morning Fantasy


lunedì 18 ottobre 2010

venerdì 12 marzo 2010

E' quasi primavera e mi và di anticipare l'atmosfera con qualche pittura a tema floreale :)
Ecco le opere di Giancarlo Cazzaniga, nato a Monza il 20 settembre del 1930 e formatosi a Milano, inizia presto a frequentare l'ambiente artistico di Brera e i suoi protagonisti, avvicinandosi in particolar modo al movimento del realismo esistenziale.


Ginestre - cm. 100x80 - olio su tela

La luce nella luce, dalla luce..." - cm. 100x80 - olio su tela

Alcune sue opere come le "Ginestre" o i "Cieli" sin da subito mi hanno fatto pensare che non fosse totalmente estraneo al territorio siciliano, infatti dopo qualche ricerca ho trovato notizia della sua amicizia con Leonardo Sciascia che dice di lui: "Sembra una pittura di tutto riposo, di tutta quiete. E invece in essa solitamente trascorre l'inquietudine, l'ossessione, la follia. Lo scopriamo lentamente. E crediamo che sia questa l'ossessione di Cazzaniga: l'impossibilità di fermare l'apparenza se non scegliendola, ritenendola, ricostruendola. Quel che vuole Cazzaniga è appunto questo: far durare a lungo, indefinitamente, quel che non dura".
Ed effettivamente . . . chi non vorrebbe far durare a tempo indefinito l'odore di un glicine in fiore o l'immagine di un mare calmo?

Glicine - cm. 70x90 - olio su tela


Girasoli - cm. 100x100 - olio su tela

domenica 24 gennaio 2010



Ed eccomi nuovamente qui!
A distanza di tempo, ritrovo finalmente la voglia di scrivere e di occuparmi di questo piccolo spazio
che ho creato per amici, conoscenti e non, appassionati o semplicemente curiosi di sapere cosa accade, è accaduto o accadrà nel mondo dell'arte.

La mia assenza è stata dovuta a cause di forza maggiore, le quali mi hanno fatto perdere per un pò qualsiasi slancio nei confronti della vita . . . ma il peggio sembra passato, dunque riprendiamo subito :)

Due settimane fa, trovandomi a Brindisi (posto davvero carino) non ho potuto far a meno di visitare la mega mostra dedicata alla Collezione Mazzolini.
Che dire . . . costituita in cinquant'anni di assoluto impegno dal medico milanese Giovanni Battista Ettore Simonetti e poi, dopo la sua morte, custodita e arricchita dalla sua assistente Domenica Rosa Mazzolini, la Collezione è una delle raccolte più importanti d'Italia per qualità e numero di opere: 899 tra dipinti, disegni e sculture, tanto da potersi fregiare dell'Alto Patronato della Presidenza della Repubblica.

Una mostra veramente, ma veramente ben articolata. Una collezione imponente, quindi non facile da organizzare in mostra. Emozionante la sala dedicata a De Chirico, e illuminanti tutte le altre.
Una serie di artisti lunghissima, dei quali ho preso nota (un ad uno, si!) e mi riprometto di parlarne il prima possibile.

Vi lascio con un assaggio delle opere esposte ;)


Giorgio de Chirico, Piazza d'Italia 1956, olio su tela, cm 40x50


Massimo Campigli, Le bagnanti, 1953, olio su tela, cm 51x67


Aggiungi immagine

mercoledì 29 aprile 2009

Durante il recente MiArt (per il quale tra l'altro ho provato una grande delusione: se non era per qualche De Chirico, Schifano, Mirò e qualcun altro considerabile artista, sarebbe stato veramente da piangere) ho avuto modo di conoscere artisti, sia italiani che stranieri, davvero davvero interessanti. Tra questi oggi voglio soffermarmi su Pino Pasquali.
Pino Pasquali, nato a Polignano a Mare (http://www.comune.polignanoamare.ba.it/), morto tragicamente a soli 33 anni, ha però avuto (per nostra fortuna) abbastanza tempo per esprimere e veder riconosciuta, quella che era la sua arte.
Scultore e scenografo, a lui è anche dedicato il Museo d'arte contemporenea della sua città (http://www.palazzopinopascali.it/index.php).

Ma basta parole mie... e lasciamo che siano i suoi disegni a parlare per lui. In questo caso ho scelto dei bellissimi e simpaticissimi bozzetti dedicati al mondo pubblicitario!


Grand General
1961; tecnica mista su acetato e cartoncino; cm 30x23; bozzetto eseguito per la "Lodolofilm"


Salvador el Matador
1962; tecnica mista su acetato e cartoncino; cm 23x33; bozzetto eseguito per la "LodoloFilm", carosello Cornetto Algida

Pubblicità Cirio
1964; tecnica mista su cartoncino; cm 35x25





Popular Posts

Informazioni personali

Art of the Day